Grotte - Comune di Ventimiglia

Per il Cittadino | Cultura | Musei | Grotte - Comune di Ventimiglia

Grotte Preistoriche

 

Grotte.jpg

 

Le grotte, distribuite in un breve tratto tra Mentone e Ventimiglia, si presentano sotto forma di fenditure verticali della roccia a brevissima distanza dalla spiaggia e di qualche metro sul livello del mare. I primi lavori di scavo furono portati a compimento intorno al 1846 per volontà del Principe di Monaco Fiorestano I. Nel 1892 fu Alberto I di Monaco sovvenzionare i lavori di scavo e grazie a questi fu possibile evidenziare la stratigrafia delle grotte, le caratteristiche dei giacimenti e la loro cronologia. La Barma Grande: in questa grotta fu scoperta la famosissima Triplice sepoltura" ed i resti delluomo di "Cro-Magnon". I visitatori percorrendo la grotta possono tuttoggi prendere coscienza degli avvenimenti naturali che susseguirono nella Era Preistorica. La Grotta del Principe: chiamata così in onore del Principe di Monaco. In questa grotta sono stati ritrovati resti di una fauna di tipo tropicale come lippopotamo. Risalendo gli strati dal basso verso lalto si perdono i segni di animali adattati a un clima caldo e si scoprono resti di animali tipici di climi rigidi: segno evidente del sopraggiungere della glaciazione. La Grotta dei Fanciulli: prende il nome dagli scheletri di due fanciulli ritrovati da Rivier neI 1870. Nella grotta furono ritrovate tracce del rinoceronte di Merk, del leopardo e dell orso della caverna: tu portato alla luce anche lo scheletro di una donna circondato da un gran numero di conchiglie marine. La Grotta del Conte Costantini: cosi chiamata in onore del fondatore dellistituto Italiano di Paleontologia Umana. Di dimensione più piccola rispetto alle altre grotte, fu scoperta durante i lavori di scavo nella Grotta dei Fanciulli. Proseguendo la visita si possono ammirare oltre alle grotte dei "Cavigiione" e di "Fiorestano".

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il